Dolore cronico dei tessuti molli e diagnostica ad ultrasuoni

un approccio terapeutico moderno

Il dolore cronico all'apparato muscoloscheletrico è un'esperienza fin troppo comune per molte persone. Questo dolore è spesso causato dall'usura delle articolazioni e della colonna vertebrale: artrosi e danni ai dischi intervertebrali. Ma esistono anche infiammazioni locali nel tessuto connettivo che causano dolore cronico. Tali infiammazioni possono verificarsi in corrispondenza della base dei tendini, dei muscoli e delle borse sinoviali. Queste infiammazioni sono causate da uno sforzo eccessivo del sistema muscoloscheletrico o da uno sforzo errato. Altri possibili fattori scatenanti sono gli incidenti di lieve entità, come gli inciampi e le contusioni.

Le infiammazioni locali nel tessuto connettivo citate sopra possono essere localizzate e visualizzate con gli ultrasuoni (ecografia). Un'infiammazione porta ad un aumento della circolazione sanguigna, ad un accumulo locale di liquido (edema) nel tessuto e ad un accumulo locale di cellule infiammatorie. Questi fenomeni appaiono nell'immagine ad ultrasuoni come tipici mutamenti.

Uno sguardo particolare va rivolto alle infiammazioni della borsa sierosa o sinoviale (borsite). Sono particolarmente tenaci e resistono ai rimedi casalinghi; anche con la fisioterapia di solito non guariscono. Le borsiti del gomito e al ginocchio sono generalmente note. Tuttavia il corpo umano ha più di 200 altre borse sinoviali, molte delle quali nella zona delle articolazioni. Le borse contengono del muco che funge da lubrificante interno e riduce l'attrito tra le strutture del sistema muscoloscheletrico (pelle, ossa, legamenti, tendini, muscoli), che devono muoversi l'una contro l'altra sotto pressione meccanica - simile a un cuscinetto in ingegneria meccanica. Se una borsa sinoviale è troppo sollecitata, si riempie di liquido. L'involucro della borsa diventa spessa come il cuoio e induce ad un aumento della circolazione sanguigna con dolore nelle immediate adiacenze. Questo fenomeno viene chiamato borsite, che è chiaramente visibile nelle immagini ad ultrasuoni. La borsite è particolarmente comune nella zona delle articolazioni dell'anca e della spalla.

Le infiammazioni possono essere trattate con farmaci antinfiammatori, che vengono applicati sotto forma di unguento applicato sull'infiammazione, se è superficiale. Se l'infiammazione si trova più in profondità, il farmaco viene ingerito o iniettato in un luogo adatto nel tessuto dove rimane depositato. Successivamente, entra lentamente nel flusso sanguigno e viene distribuito in tutto il corpo. In questo modo, il principio attivo raggiunge anche la zona infiammata, ma solo una piccolissima parte viene assorbita localmente. È quindi molto più efficiente introdurre il farmaco con il principio attivo direttamente nell'area infiammata. Una piccola dose induce ad un'alta concentrazione del principio attivo nella zona dell'infiammazione e nel resto del corpo vengono rilevate solo tracce del farmaco. I farmaci antinfiammatori più efficaci sono il cortisone e i suoi derivati.

In molte parti del corpo, il medico può individuare l'infiammazione locale con il dolore derivato dalla pressione. Da molto tempo ormai, l'infiammazione locale è stata combattuta con ago e siringa, portando il farmaco il più vicino possibile alla fonte dell'infiammazione. Sia la certezza diagnostica del dito che tasta che la precisione dell'ago diminuiscono rapidamente con l'aumentare della profondità dell'epicentro dell'infiammazione nel corpo. Proprio qui la tecnologia a ultrasuoni apre la strada ad una geniale combinazione di diagnostica e terapia: la terapia di infiltrazione guidata dagli ultrasuoni!

L'epicentro dell'infiammazione è evidenziato nell'immagine ad ultrasuoni - il dolore da pressione in questo punto serve da "controprova". Poi un ago più lungo e più sottile viene inserito attraverso la pelle accanto alla sonda ad ultrasuoni. La punta dell'ago viene guidata con precisione nell'area dell'infiammazione, che può anche trovarsi più in profondità sotto la pelle. Il paziente conferma l'"arrivo" dell'ago provando dolore. Il farmaco viene nuovamente posto sotto controllo visivo.

Utilizziamo aghi di lunghezza da 6 a 8 cm con un diametro esterno di 0,6 mm. Come farmaco mescoliamo un anestetico locale con un cortisone altamente efficace in forma cristallina. Questi minuscoli cristalli si attaccano al tessuto e si dissolvono lentamente. In questo modo si ottiene un effetto antinfiammatorio nell'area interessata per un periodo massimo di 12 settimane. Solitamente regredendo lo stato infiammatorio si ha la scomparsa del dolore cronico.

Infine, un racconto comune e frequente di sofferenza emerso in diversi anni di esperienza professionale - innocuo, ma molto logorante: un dolore sgradevole da molte settimane nella zona dell'anca senza un'esatta collocazione con irradiazioni nella schiena così come nella coscia fino al ginocchio, che disturbano in modo particolare il riposo notturno (le infiammazioni fanno male soprattutto di notte!); la posizione laterale sul fianco non è più possibile. Altrettanto sgradevoli sono i lunghi periodi da seduto (alla guida di un'auto) e il salire le scale. Può anche succedere che ogni passo a piedi faccia male. Con questa anamnesi, l'ultrasuono rivela molto spesso un'infiammazione della borsa sinoviale sopra il trocantere all'esterno dell'anca (bursitis trochanterica) per lo più con dolori aggiuntivi al ginocchio esterno (bursitis peronea) e dolori al crociato (entesiopatia della spina iliaca posterior superior). Il trattamento a ultrasuoni della borsite dell'anca è spesso sufficiente e di solito ha un effetto duraturo: riduzione del dolore fino a liberarsi dal dolore entro una o tre settimane per un periodo di alcuni mesi o anche di più.

Studio medico
T +41 81 838 11 45
E Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iscriviti alla Newsletter

Accetto le condizioni riguardo Privacy e Termini di Utilizzo